Il 40% delle persone che lavorano negli enti pubblici di ricerca ha un contratto precario. Solo in Toscana questi professionisti e queste professioniste tengono attivi 15 Istituti del CNR, con sedi a Firenze, Sesto Fiorentino, Pisa e Siena.

Grazie anche alla loro protesta il Senato ha approvato un emendamento alla Legge di Bilancio, il c.d. “emendamento Verducci”, che stabilizzerà 420 contratti nel 2018 e 1750 nel 2019 su base nazionale. Un risultato importante ma non sufficiente visto che la platea di riferimento è di circa 10mila persone.

Per questo domani chiederemo l’iscrizione all’ordine del giorno di una mozione molto chiara: la Regione deve attivarsi con Governo e Camera dei Deputati per chiedere l’estensione dei beneficiari. I soldi ci sono, serve la volontà politica di metterli al servizio di questa giusta causa.