Ogni giorno decine di migliaia di passeggeri salgono sui treni della tratta Livorno – Firenze. Il costo del viaggio è pari a 9,70 euro, corrispondenti alla fascia chilometrica 100-110 km, perché la lunghezza del percorso è indicata da Trenitalia in 101 km. In realtà però negli anni alcuni interventi sulla tratta, come la galleria tra Montelupo e Lastra a Signa, hanno ridotto la sua lunghezza portando la cosiddetta linea lenta, quella che passa da Signa per capirsi, a 99,787 km mentre la cosiddetta linea veloce, la più usata che attraversa Lastra a Signa, persino a meno: 96,55 km.

Siccome pendolari e turisti pagano in funzione di quello che sembra un evidente errore – cioè Trenitalia continua a considerare la tratta come lunga 101 km mentre è più corta di almeno 1 km – vogliamo che la Regione verifichi gli effettivi chilometri della linea Firenze-Livorno e, qualora rilevasse quanto da noi descritto su suggerimento di un nostro attivista, chieda a Trenitalia il giusto adeguamento tariffario.

Poi magari ci farebbe piacere anche sapere chi non ha verificato questo errore, pur dovendolo fare. Perché ancora una volta si sono dovuti muovere i cittadini, tramite il Movimento 5 Stelle, per esigere la tutela dell’interesse generale mentre qualcuno, pagato sempre dai cittadini, pare abbia dormito.