TRENI AREZZO – FIRENZE, ESTATE DISASTROSA, LA REGIONE ASCOLTI I PENDOLARI

204

Firenze 28 agosto 2015. I consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle hanno presentato un’interrogazione alla giunta sulle problematiche inerenti il pendolarismo ferroviario nella tratta Arezzo – Firenze.

“In questa estate la tratta ferroviaria Arezzo – Firenze è stata protagonista di fatti gravi e disservizi sistematici tra i quali due incendi, il distaccamento della porta da un treno in corsa con successiva esclusione dalla Direttissima i treni Vivalto e i nuovi Jazz (in servizio da marzo 2015) e soprattutto sovraffollamento, ritardi cronici e sporcizia. 

Come sottolineato dai pendolari del Valdarno – segnalano  i consiglieri M5S – c’è un problema di utilizzo della linea veloce per garantire il trasporto pendolare aretino verso il capoluogo regionale, carenza di corse e l’evidente sottodimensionamento dei treni nella tratta, con inevitabile sovraffollamento.  I disagi sarebbero ridotti aumentando i vagoni per convoglio – proseguono i Cinque Stelle –  e/o con l’immissione su tali linee di treni adeguati alle esigenze dei passeggeri.

Riteniamo infatti impensabile che nel 2015  i lavoratori del Valdarno che devono essere a Firenze alle 7 siano costretti a partire alle 5 del mattino. Ma ancora più insostenibile – dicono i Cinque Stelle –  è che a causa dell’attuale contratto di servizio tra Regione Toscana e Trenitalia, i rimborsi per i ritardi promessi dall’Assessore Ceccarelli ai pendolari non spetterebbero a chi arriva o parte da stazioni intermedie, con ritardi notevoli, perché i treni sulla linea aretina risultano in orario all’arrivo perché recuperano in tratti finali.

Abbiamo chiesto a Rossi e Ceccarelli quali soluzioni intendano porre in essere per queste problematiche – concludono i consiglieri M5S –  suggerendo ulteriori servizi sulla linea e un nuovo contratto di servizio dove i rimborsi per i ritardi sono calcolati sulla media del ritardo realizzato lungo la tratta e non solo all’arrivo finale. Infine vogliamo sapere che tipo di treni saranno garantiti sulla tratta lenta del Valdarno e sulla Direttissima”.