++ MORTE DI DAVID ROSSI ++

A SIENA, LA CITTA' DOVE I BANCHIERI VOLANO FUORI DALLA FINESTRA, SPUNTA IL TESTIMONE CHE CONFERMEREBBE LA TESI DEI FESTINI A BASE DI SESSO E DROGA Festini trasgressivi nelle campagne toscane ai quali avrebbero partecipato banchieri, magistrati, politici e sacerdoti. Parla un testimone, uno degli escort che partecipavano a questi fantomatici festini a base di sesso e coca e rivela chi erano gli invitati eccellenti. L'indagine sulla morte di David Rossi continua a tracciare piste sconcertanti. Sentite qua! Link al sito de Le Iene: https://goo.gl/xNmWeL

Pubblicato da Movimento 5 Stelle Toscana su Domenica 25 marzo 2018

Le Iene hanno tirato fuori una notizia bomba sul groviglio armonioso senese che coinvolge Monte Paschi di Siena e sembra riguardare anche la morte di David Rossi. Se confermata ci sarebbe da preoccuparsi. Sulla tragica fine di David Rossi l’ombra dei servizi o della criminalità è ancora troppo forte e sarà la Procura a indagare anche su quanto denunciato nel libro “Morte dei Paschi” dove gli autori ipotizzano un ruolo di Rossi nel riciclaggio di denaro dalla malavita e una sua vicinanza ai servizi.

Intanto noi continuiamo a raccogliere i frutti del nostro lavoro consiliare sullo scandalo MPS e sue conseguenze per i toscani.

A novembre presentammo infatti un atto di indirizzo regionale sul Piano di Ristrutturazione di Monte Paschi di Siena, approvato all’unanimità dal Consiglio regionale il 17 gennaio scorso. Dopo la questione dei dipendenti (già oggetto di un altro nostro atto votato all’unanimità) ci eravamo concentrati su quanto il Piano di Ristrutturazione andasse a incidere sulle società partecipate condivise tra Regione Toscana e MPS, società già oggetto di una parte dell’inchiesta regionale condotta dal nostro Giacomo Giannarelli. Oltre a questo eravamo preoccupati anche per il patrimonio immobiliare e artistico di Monte Paschi di Siena, che il gruppo aveva inserito tra i beni da vendere per fare cassa.

Ieri è arrivata la nota di attuazione e siamo felici di apprendere che anche grazie alla nostra azione la Soprintendenza abbia ribadito l’inalienabilità del patrimonio storico artistico di Banca MPS e, per meglio tutelare il tutto, la Commissione Regionale per il Patrimonio Culturale ha rinnovato il vincolo come “collezione indivisibile e pertinenziale” delle opere della collezione Chigi Saracini nel Palazzo omonimo in Siena ed è stato avviato l’iter analogo per le opere conservate nei due palazzi storici Salimbeni e Spannocchi.

Il saccheggio del Monte Paschi di Siena, quindi, almeno lato artistico sembra essersi fermato.

Saremo tranquilli solo dopo aver visto l’elenco degli immobili  e delle opere d’arte site in Toscana che Monte Paschi di Siena voleva vendere, secondo Piano di Ristrutturazione. Un impegno incluso nel nostro atto di indirizzo che al momento la Giunta regionale ha attuato solo inviando una lettera di richiesta formale dell’elenco alla banca MPS e in copia a Ministero dell’Economia e delle Finanze (primo azionista della banca) e Soprintendenza.

1 COMMENTO

  1. […] Firenze 27 marzo 2018. “Le Iene hanno tirato fuori una notizia bomba sul groviglio armonioso senese che coinvolge Monte Paschi di Siena e sembra riguardare anche la morte di David Rossi. Se confermata ci sarebbe da preoccuparsi. Sulla tragica fine di David Rossi l’ombra dei servizi o della criminalità è ancora troppo forte e sarà la Procura a indagare anche su quanto denunciato nel libro “Morte dei Paschi” dove gli autori ipotizzano un ruolo di Rossi nel riciclaggio di denaro dalla malavita e una sua vicinanza ai servizi. Intanto noi continuiamo a raccogliere i frutti del nostro lavoro consiliare sullo scandalo MPS e sue conseguenze per i toscani” così Giacomo Giannarelli, presidente del gruppo consiliare M5S, nel post http://www.movimento5stelletoscana.it/groviglio-saccheggio-alla-svolta/. […]

Comments are closed.