SI FA PRESTO A GIUDICARE. VOI COSA AVRESTE FATTO DOPO AVER SUBÌTO 40 FURTI?

22

La vita è sacra e oggi è morta una persona. È stata uccisa durante una violazione di domicilio da un imprenditore che ha subìto 40 furti in pochi anni ed è costretto a vivere nel suo capannone per difendere quello che ha creato con il proprio duro lavoro. Prima di giudicare mettiamoci nei panni di questo imprenditore. C’è un problema sicurezza in tutta la Toscana: lo diciamo da tempo. Ora servono delle risposte.

La notizia mi sconvolge e non poco. Sì, perché lo scorso mese incontrai, per caso, proprio il Pacini. Ero a Chiusi per un incontro con il gruppo locale del Movimento e avevo forato una gomma. Venne in mio soccorso lui, persona gentile e con le mani da lavoratore. Solo dopo l’intervento in officina, scambiando due chiacchiere, scoprii la sua storia. Una racconto incredibile. Mi spiegò che era costretto a dormire da almeno quattro anni nel suo capannone: aveva subìto 38 furti. Allora, tra le altre cose, scrissi: non possiamo permettere che la nostra regione viva nel terrore della criminalità. È andata così. Senza parole.