Sono oltre 49,5 milioni gli interventi nella provincia di Pistoia che rischiano il definanziamento a seguito della riforma del PNRR voluta dal Governo Meloni, incapace di dar seguito ai programmi stabiliti.
Il M5S esprime preoccupazione dopo aver ricevuto l’informativa alle Camere riguardante questa riforma. Nel Documento si parla di definanziamento totale delle voci di investimento che pi√Ļ impattano sui territori come, per citarne alcune, quella sul dissesto idrogeologico, la rigenerazione urbana ed i piani urbani integrati. Interventi che i Comuni erano riusciti a mettere in programma dopo anni di attesa grazie ai fondi che il Governo Conte era riuscito a mettere loro a disposizione con il PNRR.¬†Meloni ha deciso di privare i Comuni dei fondi necessari alla realizzazione di queste opere in modo netto e senza preavviso, mettendo a rischio, come espresso anche da ANCI, la continuit√† di finanziamento per le opere gi√† in cantiere.
Una situazione inaudita alla quale il Governo non sta dando risposte. Nel documento rilasciato ai parlamentari si parla di “rifinanziare con altre fonti” i progetti approvati ma non si fa menzione di quali e quanti di questi fondi saranno accessibili. Inoltre il centro studi di Camera e Senato certifica l’impossibilit√† di coprire interamente il definanziamento del PNRR.
Nella sola provincia di Pistoia rischiano di saltare progetti attesi da decenni come gli interventi al Palazzetto di Montecatini, agli Stadi di Quarrata, Agliana e Montecatini, alla scuola “Frosini” a Pistoia e “Don Milani” ad Agliana, il complesso edilizio S. Lorenzo e Chiesa di S.Anzano e soprattutto il progetto Piazze di Monsummano che aveva gi√† visto l’inizio della cantierizzazione. Opere per le quali l’iter era gi√† iniziato ed i Comuni avevano gi√† assunto impegni di spesa che adesso rischiano di dover trovare coperture alternative che non ci sono con evidenti conseguenze sulla tenuta contabile degli Enti.
Una mossa scellerata quella del Governo Meloni che dopo aver privato i cittadini delle fasce pi√Ļ deboli di un sostentamento necessario, mette in ginocchio anche gli enti territoriali dimostrando che non erano pronti a governare ma a distruggere questo Paese.