SCALO MERCI FRIZZONE A LUCCA “SCANDALOSO STATO DI ABBANDONO, SUBITO UN TAVOLO MINISTERO-REGIONE PER RIQUALIFICAZIONE”

64

Realizzato da RFI solo tre anni fa con una somma di investimento totale pari a 38 milioni di euro, lo scalo merci del Frizzone in località Porcari-Capannori, in provincia di Lucca, è ad oggi in quasi pieno abbandono. La nuova infrastruttura logistica era destinata a rivoluzionare la movimentazione delle merci con particolare riferimento alle aziende del Distretto cartario della provincia di Lucca e si proponeva di intercettare i nuovi traffici del trasporto su gomma trasporto su gomma.

“E’ scandaloso che questa importante opera si trovi in quasi totale stato di abbandono. Occorre attivare immediatamente un tavolo Ministero-Regione, al fine di riqualificare lo scalo merci anche per permettere un maggior utilizzo del trasporto merci su rotaia invece che su gomma. In questo modo potremmo assicurare non soltanto un servizio essenziale alle aziende cartarie della zona, ma tutelare anche l’ambiente. Dal distretto cartario della lucchesia passano milioni di tonnellate di merci, lo scalo quindi è strategico per le aziende e l’economia toscana. Gravi errori di progettazione dello scalo impediscono attualmente il pieno utilizzo della infrastruttura. Solo per fare un esempio: la tettoia dello scalo dovrebbe spostarsi per proteggere la carta durante le fasi di carico sui vagoni; la tettoia però non è funzionante e così lo scalo è utilizzabile solo in parte, limitandone le capacità operative. E’ una follia pura. Interverremo a livello regionale per sbloccare questa situazione e garantire sviluppo economico e tutela ambientale.”